browser icon
You are using an insecure version of your web browser. Please update your browser!
Using an outdated browser makes your computer unsafe. For a safer, faster, more enjoyable user experience, please update your browser today or try a newer browser.

Rosolini

Rosolini nasce e si sviluppa lungo la balza rocciosa che si affaccia alla SS115, definita dall’archeologo Paolo Orsi agli inizi del Novecento ” una terrazza pittoresca ” dove per alcuni millenni l’uomo ha continuato ad insediarsi e vivere.

Rosolini nasce e si sviluppa lungo la balza rocciosa che si affaccia alla SS115, definita dall’archeologo Paolo Orsi agli inizi del Novecento ” una terrazza pittoresca ” dove per alcuni millenni l’uomo ha continuato ad insediarsi e vivere.

Qui si sviluppò nell’alto medioevo anche un borgo , qui venne realizzata un basilica ipogeica rupestre nel IV-V sec. d.C., qui i primi feudatari della baronia di Rosolini i De Girigia costruirono la loro rocca e qui i Platamone, poi Principi di Rosolini edificarono il Castello a partire dal 1485 che divenne il fulcro del borgo feudale dal 1712.

Percorrendo la bretella denominata ” Corte ” si giunge al Castello ( oggi Oleificio Nobile) al cui interno si può ammirare la Basilica ipogeica rupestre di suggestiva bellezza , si prosegue per la scala feudale per giungere nel cuore del borgo antico.

Nel Vico Consiglio si trova un bassorilievo seicentesco dedicato alla Madonna del Buon Consiglio, dove sono presenti ancora antiche costruzioni adibite al Consiglio ed alle Deputazioni dell’Università di Rosolini.

Tra la via Sipione ed il Corso Savoia si situano bei palazzi . Ammiriamo palazzo Sipione –Grande, tra i più antichi , fatto costruire dal Prosecreto dell’amministrazione feudale in stile neoclassico, palazzo Savarino , antica dimora del Governatore dell’Università, palazzo Giunta Cartia , che nel suo prospetto raccoglie l’ eclettismo progettuale praticato tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento dallo stile Liberty.

Sulla via Sipione è costruita la Chiesa del SS. Crocifisso, piccolo gioiello architettonico sorta sul sito dell’antica Chiesa del Borgo nel 1927. Al suo interno si conserva e venera la Croce Santa rinvenuta nel 1533 nell’omonimo Eremo della Cava di Croce Santa.

Il Corso Savoia nel conservarci numerosi e bei palazzi anche del Settecento ,ci conduce allo spazio scenografico di Piazza Garibaldi, divenuta location di uno spot televisivo nazionale, tutta perimetrata da bei palazzi ottocenteschi impreziositi da elementi decorativi,espressione dell’abilità e capacità tecnica dei maestri scalpellini locali. A dominare Piazza Garibaldi è la Chiesa Madre con un prospetto in pietra calcarea dai toni rosati i cui elementi architettonici si ispirano all’arte greca,romana ,rinascimentale e barocca nel rispetto della compostezza formale del Neoclassico sorto attorno alla metà del XVIII.Il progetto della chiesa viene attribuito ad un allievo dell’architetto siracusano Pompeo Picherali su incarico del feudatario Don Francesco Moncada Principe di Lardaria e Rosolini nel 1728. La chiesa ultimata nel 1840 è divisa in tre navate,sul pronao è collocato un pregevole organo costruito dal modicano Michele Polizzi nel 1879 mentre al suo interno presenta affreschi degli artisti Olivio Sozzi,Francesco Presti e Giuseppe Vizzini. Vi In fondo alla navata centrale vi è l’altare dedicato a San Luigi Gonzaga Patrono della città, nella navata di destra quello dedicato a San Giuseppe Protettore di Rosolini.

Della devozione antica del Borgo la Chiesa Madre conserva il catino battesimale della chiesetta del Castello ed un piviale ricamato in broccato dorato ricavato dall’abito nuziale della principessa Maria Carolina Ventimiglia Moncada.

I monumenti

- Chiesa Madre San Giuseppe
- Chiesa di San Francesco
- Chiesa di Santa Caterina
- Chiesa del Santissimo Crocifisso
- Santuario Sacro Cuore
- Fontana dei Tritoni
- Madonnina Seicentesca
- Basilica Ipogeica
- Castello Platamone
- Eremo di Croce Santa
- Cava Lazzaro

Gli appuntamenti

- San Luigi – Festa del Santo Patrono, la prima domenica di agosto;
- San Giuseppe. La festa di S. Giuseppe viene festeggiata la prima domenica successiva al 19 marzo. Una delle caratteristiche della      festa è la classica Cavalcata votiva che si effettua da qualche anno in Via Sipione;
- La Pace – Storico corteo religioso della domenica di Pasqua;
- Festa della Croce Santa;
- “Festa della Misericordia” – prima settimana di giugno
- “Palio del Grano” – maggio;
- “Estate Rosolinese” – agosto, ultimamente rimpiazzata dal “Settembre in città”;
- “Sikula Reggae Festival” – agosto;
- “Settembre Elorino” – settembre;
- “Sagra del Carrubo” – settembre
- “Sagra del Mosto” – ottobre
- “Befana Nerazzura – festa della beneficenza e della solidarietà” – gennaio
- “Saruzzo and Friends – concerto jazz di Beneficenza” – gennaio