browser icon
You are using an insecure version of your web browser. Please update your browser!
Using an outdated browser makes your computer unsafe. For a safer, faster, more enjoyable user experience, please update your browser today or try a newer browser.

Anime Senza Peso

IMG-20160314-WA0013 IMG-20160314-WA0008

 

 

 

 

 

Siracusa 13 Marzo 2016

VILLA REIMANN: CERIMONIA CONCLUSIVA DELLA COLLETTIVA “ANIME SENZA PESO”, DIRETTORE ARTISTICO, L’ARTISTA LAURA SANTINA ALESSI CONFERENZA, CONSEGNA ATTESTATI, PREMIAZIONE.

Splendide emozioni artistiche, culturali nella cerimonia conclusiva della Collettiva e brillanti interventi, della Dottoressa Maria Teresa Asaro assessore alla cultura della Consulta, relativo anche al fanciullino del Pascoli, energizzanti siamo, ed energiamo quello che miriamo ad energere, verità assoluta; belle parole mirate alla fratellanza e pace tra i popoli, anche attraverso l’arte e la cultura del Console Dottor Domenico Romeo, significativo l’intervento del Dottor Carlo Morrone, l’idea di ritornare pupiddi, un pò lo impensieriva, ma tutti lo diventeremo e ritorneremo “Pupuddi” con l’età che avanza, anche in riferimento alla bravissima e carismatica Artista Laura Santina Alessi, emozionante i versi di Lalla, bravo il cantautore di poesie Mirko , emozionati ed emozionanti gli artisti con tutti i pezzetti “di vita, di storie ,di anime” raffigurate con le proprie opere, da cornice e completamento le splendide sculture di Nitto.
Che dire, serata decisamente incantevole!!!

 

IMG-20160314-WA0007 IMG-20160314-WA0005 IMG-20160314-WA0004 IMG-20160314-WA0003 IMG-20160314-WA0000

 

 

 

 

 

Grazie LAURA riesci con il tuo talento a convergere flussi di EMOZIONI, SENSAZIONI, artistiche con tutti noi, momenti senza tempo che forgiano il cuore!!!

 

IMG-20160314-WA0013     SCIASCIALLINEDDA  - olio su tela 70*100

 

Grazie al GAZZETTINO del sud est on line, nella persona della dottoressa Cecilia Galizia per l’articolo relativo alla mia opera “Sciasciallinedda” esposta a Siracusa , per le bellissime, professionali e profonde parole relative anche alla persona a chi l’ho dedicato, mia madre donna di grandi e splendidi esempi!!!

“Sciasciallinedda”: il mondo dorato dell’infanzia rievocato dall’artista Giusi Spadola

Alla collettiva “Anime senza peso” che si è tenuta a Villa Reimann (Siracusa) sotto la direzione artistica di Laura Santina Alessi, ha partecipato anche la pittrice rosolinese Giusi Spadola. Col suo estro artistico ha interpretato il tema della mostra dedicata alla bambola e al mondo dei bambini, presentando l’opera “Sciasciallinedda”. Si tratta di un olio su tela 70X100, che raffigura una bimba di 3-4 anni, soprannominata affettuosamente Sciasciallinedda, il diminutivo dato dalla madre all’artista durante gli anni dorati della fanciullezza. E’ un dipinto che sviluppa un tema al tempo stesso autobiografico e universale, che rievoca l’infanzia della pittrice ed esorta gli uomini a non dimenticare il bambino che è noi, riprendendo il messaggio pascoliano del “fanciullino”. Giusi Spadola, in occasione dell’inaugurazione della collettiva, ha recitato dei “versi colorati”, componimenti poetici che esplicano ancor meglio il significato profondo racchiuso in “Sciasciallinedda”. “Ho dipinto questa tela ad occhi chiusi, con l’anima, il cuore, e miei ricordi- racconta l’artista- Per me la vita è un equilibrio tra spiritualità, sentimenti e razionalità. Fondamentali sono l’amore verso il prossimo, la natura e tutto ciò che ci addolcisce l’anima e ci permette di affrontare la vita, sia nei momenti più belli che in quelli più difficili. Penso che in ognuno di noi c’è una Sciasciallinedda che non dobbiamo mai smarrire, nel senso che la gioia dell’infanzia, la capacità di guardare il mondo con meraviglia, i ricordi delle persone care che non ci sono più vanno sempre custoditi nella nostra interiorità. Questo quadro è un omaggio a mia madre, Angelina Brafa Musicoro, che vive in me in ogni istante della mia esistenza per quanto è riuscita a trasmettermi con i suoi esempi preziosi, con la sua saggezza e infinita dolcezza di donna, moglie e madre”.

Cecilia Galizia

 

 

1